Emergenza Rifiuti a Messina. De Luca scende in strada: «Situazione critica»

De Luca monitoraggio rifiuti

Continua il lavoro del Sindaco Cateno De Luca per rimediare all’emergenza rifiuti che da inizio mese ha trasformato molte zone di Messina in vere e proprie discariche a cielo aperto. Dopo gli interventi di pulizia straordinaria annunciati dal primo cittadino e attuati da MessinaServizi Bene Comune la notte dell’11 novembre, ieri De Luca e alcuni membri della Giunta sono scesi per le vie di Messina per monitorare l’attuale stato della raccolta dei rifiuti.

«La situazione appare ancora critica – racconta De Luca in seguito al monitoraggio – con la presenza di rifiuti risalenti anche a dieci giorni fa».

L’accumulo di spazzatura nei vari cassonetti della città è stato dovuto ad una significativa carenza dei mezzi a disposizione di MessinaServizi. Infatti, per effettuare le opere di pulizia straordinaria volute dal Sindaco, ne sono stati noleggiati altri. Ma se nelle vie più centrali della città la situazione sembra essersi risolta, sono ancora tante le zone, da Nord a Sud, dove l’azienda non è ancora intervenuta.

emergenza rifiuti riunione della giunta De Luca

Nel corso della riunione avvenuta in seguito al giro di ricognizione attuato dall’Amministrazione De Luca, il Sindaco ha chiesto un impegno maggiore da parte della società partecipata: «Ho invitato il direttore generale a raddoppiare immediatamente i mezzi di raccolta per i prossimi giorni al fine di smaltire il cumulo di rifiuti degli ultimi dieci giorni».

Già la scorsa settimana De Luca aveva chiesto all’azienda di fare tutto il possibile, lanciando un ultimatum ben preciso: se l’emergenza non verrà risolta entro il 30 novembre si procederà all’individuazione dei responsabili che verranno poi tolti dalla propria carica.

In seguito alla riunione di ieri, il Direttore Generale di MessinaServizi ha assicurato alla Giunta una risoluzione tempestiva. Nel frattempo, il Sindaco ha già programmato un ulteriore monitoraggio per il 24 novembre. 

 

 

 

(346)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *