EmergenSea: alle isole Eolie arrivano i compattatori ecologici per le bottiglie di plastica

Le Eolie di fanno promotrici di una nuova iniziativa ecologica: sono stati istallati a Panarea, Vulcano e Malfa, sulla scia di quanto fatto lo scorso anno da Lipari, una serie di compattatori per il riciclo delle bottiglie di plastica. Le isole dell’arcipelago hanno aderito, infatti, ad EmergenSea, una campagna di Marevivo.

Le Eolie sono state ribattezzate “isole rinnovabili”, dopo che Salina è stata inserita nel progetto europeo “Clean Energy for EU Islands”, e oggi proseguono nell’impegno per tutelare l’ambiente e combattere l’inquinamento da plastiche in mare, aderendo ad EmergenSea.

Ad attivarsi per prima, l’anno scorso, è stata l’isola di Lipari, dove la macchina compattatrice ha “mangiato” oltre 70.000 bottiglie.

La campagna è stata resa possibile grazie al rinnovato sostegno delle Fondazioni Aeolian Islands Preservation Fund, Blue Marine Foundation e della Caronte&Tourist e alla collaborazione dei Comuni di Lipari, Malfa, dell’Istituto comprensivo Lipari e degli esercizi commerciali che hanno dato la disponibilità ad ospitare i compattatori.

Dove si troveranno i compattatori

A Panarea, dal 23 aprile, cittadini e turisti potranno portare le loro bottiglie di plastica al Supermarket da Pina, mentre a Vulcano sarà il Supermercato Sapori&Dintorni Conad ad ospitare, a partire dal 24 aprile, l’eco-compattatore che qui sarà dotato anche di un monitor per proiettare immagini e video finalizzati a sensibilizzare e informare sull’importanza di tutelare l’ambiente e il mare.

A Salina la macchina sarà invece posizionata al plesso dell’Istituto Comprensivo Lipari1 che dal 10 maggio resterà aperto durante la stagione estiva a disposizione di chiunque vorrà aiutare l’ambiente portando le bottiglie di plastica.

«Questa campagna assume per noi un significato speciale, non solo perché coniuga un’attività di sensibilizzazione con un’azione di contrasto concreto all’inquinamento – dichiara Rosalba Giugni, Presidente di Marevivo – ma anche perché parte in un momento che vede queste isole meravigliose attraversate da un grande fermento e da una straordinaria voglia di cambiamento del quale non possiamo che essere felici di far parte».

(140)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *