Dopo la vicenda Ecopass, il Consiglio Comunale approva le nuove “Zone a traffico limitato”

comuneNella seduta di ieri sera, il Consiglio Comunale, dopo aver rinviato per approfondimenti la trattazione della costituzione di una società per azioni denominata “Azienda Trasporti Messina s.p.a.”, ha approvato all’unanimità, con ventiquattro voti favorevoli, la proposta deliberativa relativa alla previsione di nuove “Zone a Traffico Limitato” poste in prossimità degli imbarcaderi cittadini, in funzione disincentivante per i veicoli in attraversamento dello Stretto. Presenti in Aula, il Commissario Straordinario, Luigi Croce, l’esperto volontario, Nino Dalmazio, e i dirigenti competenti. Nel nuovo documento le Ztl sono state estese al “serpentone” di collegamento tra l’approdo dei traghetti della rada San Francesco e il viale della Libertà; alla via San Raineri, uscita molo Norimberga, fino all’intersezione, area esclusa, con il cavalcavia; alla via Luigi Rizzo, uscita molo Rizzo, per il solo tratto adiacente al piazzale Campo delle Vettovaglie; all’infrastruttura viaria denominata “Chiocciola”, che collega l’approdo Tremestieri con la rete stradale. La gestione e la destinazione delle somme provenienti dalle suddette zone sarà attribuita al Dipartimento Mobilità Urbana e Viabilità per lo svolgimento delle attività relative alla pianificazione e al miglioramento della mobilità urbana, al monitoraggio dell’inquinamento acustico e alla realizzazione di interventi finalizzati alla sicurezza stradale e alla mobilità sostenibile, nonché alla riduzione, alla mitigazione del traffico, e alla salvaguardia ambientale. Successivamente il Civico Consesso ha approvato, sempre all’unanimità, gli atti relativi al piano regolatore cimiteriale e al piano particolareggiato esecutivo di ampliamento del cimitero di S. Paolo Briga e quelli riguardanti l’ampliamento ed il piano regolatore del cimitero di Santo Stefano Briga. Esitati quindi il provvedimento di approvazione di prescrizioni concernenti servizi a domanda individuale e relativi tariffari e il riconoscimento di un debito fuori bilancio. Sulla votazione, dopo un’ampia trattazione, dell’atto relativo al bilancio consuntivo dell’esercizio finanziario 2011 dell’Atm, alla presenza del commissario Enrico Spicuzza, è caduto il numero legale (presenti venti consiglieri). Dopo l’aggiornamento della seduta a un’ora, perdurando le carenze di presenze in Aula, la seduta è stata aggiornata alle 20.00 di questa sera.

(42)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *