Dopo la cecità, la passione per la cucina. Chef Anthony Andaloro e le cene al buio

chefUna cena totalmente al buio, in cui a prevalere sono sapori e odori. Gli unici due sensi che i clienti di un ristorante molto particolare possono mettere in campo per assaporare i loro piatti, non essendo a conoscenza del menu.

L’idea nasce da uno chef di Milazzo, Anthony Andaloro, non vedente a causa della malattia di Stargardt. Con grande forza d’animo, il 48enne è riuscito a guadagnarsi un posto d’onore come  primo chef non vedente d’Italia. A seguito della malattia non si è dato per vinto. Entusiasmatosi alla cucina ai corsi del centro “Hellen Keller”, Anthony Andaloro ha scoperto una vera passione che lo ha portato a fondare l’associazione “Oltre al buio” per raccogliere fondi per i bambini non vedenti. Ma il suo entusiasmo non è finito qui: su youtube e facebook i like si sprecano, la sua pagina “In cucina con chef Anthony” ha riscosso un grande successo. E ora lui sogna di sbarcare a Masterchef con i suoi piatti blind chef.

(135)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *