Da due consiglieri un “quadro” dell’emergenza rifiuti/piogge in città

quadro1Quando gridare all’emergenza non aiuta ad attirare l’attenzione dell’Amministrazione comunale, ecco che si ricorre all’ironia, se non anche al grottesco.

Così, per una volta, per non far passare inosservata l’ennesima segnalazione sui disagi scaturiti dalle prime piogge in città, Nunzio Signorino, consigliere della III circoscrizione, e Mimmo D’Arrigo, ex consigliere, hanno inviato ai media un “quadro” dell’ennesimo scempio cittadino. L’immagine di una cornice d’epoca, dorata, stile Rococò, che in genere racchiude paesaggi campestri, dame dell’ 800, nature morte, con l’iniziativa dei due fantasiosi consiglieri di quartiere, circoscrive un tombino, un cassonetto, una montagna di spazzatura. Un esempio di come l’arte incontra il quotidiano.

La descrizione dell’ “opera” è esposta nella seguente nota:

quadro3“Le acque che partono dai torrenti abbandonati a se stessi del villaggio di Camaro Superiore non riescono a defluire correttamente per i rifiuti e le erbacce – scrivono Signorino e D’Arrigo -. Bastano le prime piogge per riproporre il tema del “dissesto idrogeologico”.

“Stamattina molte strade erano completamente allagate – proseguono -, lasciando per terra residui di fango e pietre. La situazione più difficile si trova lungo il viale Padre Ruggeri, dove si affacciano i torrenti, sino ad arrivare alla piazza Fazio di Camaro nel tratto di competenza del Comune. Ma anche tra le vie del villaggio, è facile trovare strati di fango per terra che mette a rischio l’incolumità degli automobilisti, motociclisti e dei pedoni”.
“Si ripropone così, – spiegano i consiglieri Signorino e D’Arrigo – il tema della manutenzione delle canalette stradali e dei torrenti. È bastato fare un giro di 20 minuti appena per rendersi conto che la situazione è molto grave. Le canalette sono completamente ostruite non solo dai rifiuti, ma anche dalle erbacce, che ormai in realtà sono vere e proprie piante ornamentali”.

“E si va verso l’inverno – concludono Nunzio Signorino, consigliere della III circoscrizione, e Mimmo D’Arrigo, ex consigliere -. Le piogge aumenteranno ed il rischio di allagamenti è sempre più concreto. Non sarebbe il caso di fare qualcosa? O bisognerà attendere ulteriori sviluppi negativi prima di intervenire seriamente?”.

 Laura Costa

(171)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *