Cimitero di Messina: ripristinato il servizio navetta per la Commemorazione dei Defunti

cimitero-messina-entrata-principale Ad un anno dalla sospensione del servizio navetta del Cimitero Monumentale di Messina, ieri finalmente, la situazione sembra essersi sbloccata: 10.000 euro del Fondo Trasporti saranno utilizzati per mettere a disposizione dei bus navetta all’interno del Gran Camposanto.

Nel frattempo, in occasione della Commemorazione dei Fefunti, l’Assessore all’Ambiente Daniele Ialacqua annuncia la presenza di tre navette per assicurare un servizio efficiente.

Il bus, che prima del 6 settembre dell’anno scorso garantiva il trasporto al cimitero, è stato sospeso in seguito a una mancanza di mezzi e personale. Infatti, l’Amministrazione era stata obbligata a cancellare il servizio per restituire il bus all’autoparco che ne necessitava per offrire il servizio di navetta alle scuole messinesi.

Da allora, in molti si sono lamentati, e sono tanti i cittadini, soprattutto anziani, che si sono trovati in difficoltà. Situato nei pressi della zona centrale della città, di fronte a Villa Dante Catania, il cimitero monumentale di Messina si estende per ben ventidue ettari, rendendo il percorso a piedi faticoso.

«Non è assolutamente tollerabile – scrive Libero Gioveni, consigliere del gruppo Misto, in una nota inviata questa mattina – che in una città che vuole definirsi “metropolitana” e che si vanta di avere il secondo cimitero d’Italia, non si riesca in nessun modo a garantire un servizio così semplice».

Ma proprio ieri mattina, Ialacqua ha concluso l’accordo per avviare una gara che possa garantire il servizio navetta all’interno del Gran Camposanto almeno 2/3 volte a settimana. Per quanto riguarda il 2 novembre, invece, ci saranno in totale 3 navette a servizio dei cittadini, due messe a disposizione da alcune associazioni e una fornita dall’autoparco stesso.

Il cimiero, noto anche come Gran camposanto, è uno dei più importanti d’Europa e assieme a quello di Staglieno è il cimitero monumentale più artistico d’Italia.

 

(90)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *