Centro Isasi – Cnr: a Messina un polo d’eccellenza per l’autismo

829B0336L’Istituto Marino “Bosurgi Caneva” di Mortelle torna a vivere per rivoluzionare, nel cuore del Sud,  il concetto di ricerca applicata alla sanità. Una giornata memorabile, quella di oggi, per la città di Messina e, in generale, per il mondo della ricerca scientifica, con l’inaugurazione dei nuovi locali dell’Unità di Ricerca Isasi – Cnr dedicata allo studio e alla riabilitazione dei disturbi dello spettro autistico. Una avanguardistica realtà resa possibile dalla generosa collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Messina che vede nascere nella città dello Stretto l’unica struttura italiana (insieme all’Istituto Stella Maris di Pisa) promotrice di avanzate tecniche di ricerca nell’ambito dell’autismo, attraverso l’applicazione del metodo terapeutico Smart-Me (Social-based Method for Adaptive Rehabilitation Treatment).

Presenti alla cerimonia di inaugurazione, il Professor Luigi Nicolais, Presidente del Cnr, Davide Faraone, sottosegretario di Stato del MIUR, il sindaco di Messina, Renato Accorinti,  Roberto Cutajar, direttore generale IRCCS Stella Maris di Pisa e la rappresentanza dei professori del  Cnr: il dottor Pietro Ferraro, il dottor Corrado Spinella, l’ingegnere Giovanni Pioggia, la dottoressa Liliana Ruta, il dottor Paolo Annunziato e ancora la dottoressa Maria Luisa Scattoni, per l’Istituto Superiore di Sanità, il professore Antonio Persico per l’Università di Messina ed il dottor Luca Donato, Presidente dell’Associazione “La linea curva – Persone e Autismo”.

Sconfiggere il senso di solitudine e di impotenza che spesso affligge le famiglie interessate da questa condizione e cercare di garantire un concreto processo di adattamento alla quotidianità: questi gli obiettivi principali dei ricercatori del Cnr. Tante le professionalità coinvolte in questa ambiziosa realizzazione: neuropsichiatri infantili, psicologi e terapisti della riabilitazione somministreranno le terapie sperimentali – in maniera del tutto gratuita – e accompagneranno le famiglie e i bambini in un percorso terapeutico rivoluzionario, in interni accoglienti e domestici, distanti dall’asettica neutralità degli usuali ambienti clinici.

Sono molto onorato di essere qui, oggi”, ha dichiarato l’onorevole Davide Faraone. “In passato avevo avuto modo di conoscere L’Istituto Stella Maris di Pisa e sono estremamente orgoglioso che sia la Sicilia ad ospitare una nuova struttura modello per l’intero Paese. Non era scontato un luogo come questo, rivolto ad una disabilità così  particolare come l’autismo, una condizione che spesso non segna tanto i volti dei ragazzi e delle ragazze che ne sono interessati, quanto quelli delle famiglie che, spesso si ritrovano sole ad affrontare i problemi della quotidianità.  

Orgoglio e commozione anche nelle parole del professor Luigi Nicolais, Presidente del Cnr: “Sono orgoglioso di essere Presidente di un ente, il Cnr, che è in grado di fare ricerca, una ricerca che non resta chiusa nei laboratori ma che aiuta concretamente lo sviluppo del Paese”.

 

Grande entusiasmo e fervida partecipazione per la prima di un’occasione unica e importantissima per la città di Messina, destinata a candidarsi, definitivamente, Polo di eccellenza per tutto il Meridione.

 

(201)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *