Cartelle pazze IMU: le scuse di Cateno De Luca ai cittadini di Messina

Il neo eletto sindaco di Messina, Cateno De Luca, con la fascia tricoloreIeri in Commissione Bilancio Cateno De Luca si è scusato con i cittadini di Messina che negli ultimi giorni si sono visti recapitare a casa le ormai famigerate cartelle pazze IMU. La causa dei tanti errori, ha spiegato, risiederebbe nella banca dati ereditata dalle amministrazioni precedenti.

«Formuliamo le nostre scuse ai contribuenti – ha poi commentato il Primo Cittadino sulla propria pagina Facebook – per le cosiddette cartelle pazze IMU ma abbiamo ereditato una banca dati che fa schifo».

Ad essere coinvolti nella vicenda sono stati circa 23 mila cittadini, che, a causa di un errore, si sarebbero trovati a dover fare ore di fila agli uffici del Comune di Messina per non essere costretti a pagare tasse che in realtà avevano già pagato. Situazione, questa, che aveva generato un certo malcontento, tanto che si era arrivati a prospettare una causa collettiva.

Ma dalle parole del Sindaco, gli accertamenti effettuati nelle ultime settimane avrebbero messo in luce altri problemi: «È emerso – ha spiegato infatti Cateno De Luca – un danno erariale di oltre 5 milioni di euro annui per gli anni pregressi a causa della mancata notifica degli avvisi di accertamento IMU TARI a circa 28 mila contribuenti, presuntivamente evasori (tranne un 20% che si trovano nella blacklist a causa di errori della banca dati)».

Da maggio in poi, ha comunicato infine il Primo Cittadino, saranno notificati gli anni 2014 e 2015, previa bonifica della banca dati. «Intanto – ha concluso – abbiamo già recuperato circa 500 mila euro in un mese per mancato versamento dell’anno di imposta 2013. Pagato tutti per pagare meno!».

(365)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *