Carbonchio nei bovini, nessun rischio per i consumatori di carne

 

Nessun problema per i gestori delle macellerie, nè di conseguenza, per i consumatori. La carne infettata da carbonchio infatti,  diventa nera proprio a causa del virus dell’antrace e dunque è subito identificabile. Inoltre i consumatori sono tutelati grazie alla tracciabilità e la provenienza delle carni, che deve essere certificata e ben visibile. Il rischio è contenuto anche per i derivati del latte. Gli animali infetti non ne producono proprio a causa della malattia, ma per precauzione i veterinari dell’Asp, hanno comunque vietato la vendita e la trasformazione del latte, in quelle aziende dove si sono verificati casi accertati.

I cittadini dunque possono stare tranquilli, mentre proseguono le vaccinazioni dei capi di bestiame per evitare il diffondersi del virus che penalizza certamente gli allevatori.

L’allarme carbonchio ematico è stato lanciato sabato scorso, quando si  è registrata la morte di circa 15 capi di bovini sui Nebrodi e uno sull’Etna. A seguito di accertamenti del servizio veterinario dell’Asp  sugli animali, è stato verificato che si trattava di Antrace.

Marika Micalizzi

 

(365)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *