Messina. Capodanno 2018: distrutto il semaforo di Gazzi

semaforogazziUn semaforo distrutto e botti all’interno del cimitero monumentale di Messina. La notte di Capodanno non è trascorsa in tranquillità secondo quanto denunciato dal consigliere comunale Libero Gioveni.

foto di una scatola trovata dei pressi della Piramide del cimitero monumentale di Messina - Gran Camposanto«Il primo inqualificabile episodio – racconta l’esponente del gruppo misto – riguarda la distruzione dell’importante impianto semaforico di viale Gazzi, all’incrocio con l’ingresso delle “case gialle” di Santo Bordonaro, dove si è consumato uno dei più noti e rituali falò cittadini». Impianto fuori uso, quindi, già nella notte tra il 31 dicembre e l’1 gennaio, apparentemente a causa di un atto vandalico e, fino alle 9 di questa mattina, ancora non funzionante.

Inoltre, una scatola di fuochi d’artificio è stata ritrovata a pochi passi dalla piramide del Gran Camposanto. Episodio che, come ricorda il consigliere comunale, non è una novità per la città: «Anche nel Capodanno 2015 si sono registrate queste “genialità”, in quell’occasione testimoniate da qualche residente della limitrofa via Del Santo».

Libero Gioveni, quindi, oltre a sottolineare la vulnerabilità del nostro cimitero monumentale, non nuovo a intrusioni notturne, ha chiesto al Dirigente del Dipartimento mobilità urbana Mario Pizzino, di provvedere con la massima urgenza al ripristino dell’impianto semaforico a garanzia della pubblica sicurezza.

(472)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *