Bypass, quasi ultimata la posa dei due nuovi tubi. Domani previsto il ripristino della condotta

20151029194010_bypassBuone notizie da Calatabiano. I tecnici dell’Amam stanno lavorando senza sosta per la sostituzione dei primi due tubi del bypass danneggiato dall’incendio di ieri mattina. I lavori dovranno essere ultimati nel primo pomeriggio.

Dopo il loro posizionamento, verrà subito dato il via al flusso idrico  di 450 litri al secondo che, insieme al flusso proveniente dall’Alcantara di 220 litri al secondo, dovrebbe garantire alla città un discreto approvvigionamento idrico a diverse zone della città attualmente a secco.  Intorno alle 17 sono attese le prove di carico e l’avvio della prima tubazione, mentre nella serata dovrebbe essere possibile attivare la seconda linea.

Se tutto procederà secondo le previsioni, dunque, a partire da questa notte dovrebbe ripristinarsi una fornitura di circa 750 litri al secondo, sostanzialmente equivalente alla normale portata del Fiumefreddo. Entro domani dovrebbero essere ripristinate le quattro tubature originarie, col recupero totale della funzionalità del bypass.

In città procede l’azione del COC comunale, con l’utilizzo di tutte le autobotti in dotazione all’autoparco municipale e all’amam. Sono attivi i seguenti punti di distribuzione al pubblico con autobotti:
1) autoparco comunale (8,00-20,00);
2) ex gasomrtro (8,00-20,00);
3) sede amam (8,00-20,00).
Per venire incontro alle esigenze della zona nord, che presenta la maggiore sofferenza, da oggi pomeriggio saranno attivati due ulteriori punti di distribuzione:
1) ganzirri: va lago – ufficio postale (14,30-16,00);
2) Torre faro: piazza Cavallaro – chiesa di torre faro (16,30-18,30).
È garantito approvvigionamento idrico alle strutture sanitarie e alle fasce deboli, col coinvolgimento attivo del Dipartimento Politiche Sociali e del volontariato di protezione civile e del volontariato sociale.
L’amministrazione e l’amam sono in costante contatto con la protezione civile nazionale e regionale.

 

(491)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *