AMAM. Riparata la condotta: ecco quando tornerà l’acqua a Messina

de luca controlla i lavori dell'amam aalla condotta idrica di fiumefreddoI lavori di messa in sicurezza dell’acquedotto di Fiumefreddo sono stati ultimati, con soli 20 minuti di ritardo sulla tabella di marcia, ieri notte: già dalle prime ore di stamattina l’acqua ha ricominciato a fluire nei serbatoi ed entro domani la distribuzione idrica a Messina tornerà ad essere regolare.

A comunicarlo, questa volta, non è l’AMAM, ma direttamente il sindaco Cateno De Luca che in tarda serata si è recato al cantiere per verificare lo stato di avanzamento dei lavori: «Si sono concluse alle ore 24.05 – spiega – le delicatissime operazioni di saldatura della nuova condotta per il tratto di circa 200 metri a Forza d’Agrò dove una frana metteva a rischio lo stesso acquedotto Fiumefreddo come, e peggio, dell’ottobre 2015».

de luca controlla i lavori dell'amam aalla condotta idrica di fiumefreddoPericolo scampato, quindi, e anche se per oggi si dovrà ancora attendere (e le scuole sono state chiuse), da domani la distribuzione di acqua a Messina dovrebbe ripartire secondo i ritmi consueti.

Alle ore 24.20, aggiunge il Sindaco, sono state riattaccate le pompe e già alle prime luci dell’alba i serbatoi hanno cominciato a riversare l’acqua nella rete cittadina. «Ci vorrà una giornata per far defluire l’acqua fino alle abitazioni più lontane dai singoli serbatoi – spiega – e si tornerà quindi alla normalità nella giornata di giovedì».

«I lavori – prosegue De Luca – sono stati eseguiti in un tempo record con più squadre che dall’alba di oggi (ieri, ndr) hanno lavorato ininterrottamente per tagliare e saldare la nuova condotta e rimettere l’acqua in pressione per farla defluire sino ai serbatoi della città di Messina e limitare il disservizio ai minimi termini».

E infatti gli interventi erano cominciati ieri, martedì 24 settembre, intorno alle 5.00 del mattino e AMAM aveva tenuto aggiornati i cittadini inviando aggiornamenti, foto e video in cui spiegava con esattezza su cosa si stesse lavorando.

(1615)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *