Acqua. Unione Nazionale Consumatori avvia class action

class actionE’ stata presentata durante la conferenza stampa che si è tenuta ieri la class action contro Amam portata avanti dall’Unione Nazionale Consumatori in seguito all’emergenza idrica della città.

Moltissimi i consumatori presenti che hanno già aderito alla class action e che hanno testimoniato i disagi patiti.

Tante le storie dei cittadini: Daniele Orecchio, figlio unico di due genitori disabili, che ha riferito la drammatica situazione e l’assenza di un supporto da parte delle istituzioni; Concetta Barbera, titolare di una casa di riposo, costretta a recarsi in spiaggia a prendere acqua di mare per far fronte all’emergenza igienico-sanitaria e  Rosa Campanile, invalida, che ha raccontato le enormi difficoltà che ha per poter raccogliere e trasportare acqua con i bidoni.

“Indipendentemente dalle numerose colpe e responsabilità che si possono riscontrare rispetto a quello che sta accadendo in queste ore a Messina, dal punto di vista legale la class action è possibile solo nei confronti dell’Amam, che, nella Carta dei servizi e nei contratti aveva garantito di poter erogare il servizio anche in mancanza di una fonte di approvvigionamento, cosa evidentemente non avvenuta dopo la frana lungo il tracciato dell’acquedotto Fiumefreddo. Da qui la possibilità di ottenere un risarcimento per i cittadini di Messina” ha dichiarato il Presidente dell’Unc di Messina, Mario Intilisano.

Si legge, infatti, nella Carta dei servizi Amam: “l’Amam utilizza un sistema distribuivo che prevede l’interscambio di varie fonti di approvvigionamento, al fine di garantire l’alimentazione minima alle utenze anche in caso di fuori servizio di una delle suddette fonti primarie”.

“Questo interscambio non è mai stato realizzato ed attuato. Se ci fosse stato, il disagio dei consumatori di Messina sarebbe stato, evidentemente, minimo e non sarebbe durato per così tanti giorni” ha proseguito Intilisano.

I legali dell’associazione hanno stimato un indennizzo forfettario minimo di 25 euro per ogni giorno di interruzione della fornitura, cifra che raddoppia a 50 euro in caso di presenza di malati, anziani, neonati. La cifra dipende da quanto previsto sempre nella Carta dei servizi dell’Amam, che prevede un “rimborso forfettario di € 25 per il mancato rispetto degli standard, con un massimo di € 125”.

L’Unc ricorda che per aderire all’azione è necessario soddisfare i seguenti requisiti: essere titolare di utenza individuale o condominiale Amam; avere la propria utenza ubicata in zona ove la fornitura idrica è cessata; sottoscrivere lo specifico modulo di adesione presso la sede dell’Associazione in Messina Via San Filippo Bianchi 48 (nei seguenti orari Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì e Venerdì dalle ore 09.00 alle 11.30 ed il Lunedì e Mercoledì pomeriggio dalle ore 16.00 alle 18.30); rivestire la qualifica di consumatori (ossia non avere l’utenza destinata ad attività commerciali o professionali).

L’adesione sarebbe riservata ai soli soci Unc, ma, stante l’eccezionalità del momento, per iscriversi all’associazione basterà versare l’importo simbolico di soli € 5,00, a titolo di rimborso spese.

Inoltre, i non consumatori (professionisti, aziende, esercenti commerciali) che hanno subìto un danno non potranno aderire alla class action ma potranno agire individualmente, anche con l’assistenza del Comitato di Messina dell’Unione Nazionale Consumatori,  per il risarcimento del danno subito.

E’ possibile avere ulteriori informazioni sulla class action attraverso i social media twitter (@consumatori_me), facebook (Consumatori Messina) e sul sito internet dell’UNC di Messina (www.consumatori.messina.it), oppure tramite l’email appositamente attivata: amamclassaction@consumatori.messina.it.

(307)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *