Acqua piovana a Ganzirri e Torre Faro: ecco la soluzione di Comune e Città Metropolitana

ganzirri allagata pioggia - messinaMessina. Utilizzare i fondi derivanti dalla rimodulazione del Masterplan per risolvere il problema relativo all’allagamento, in caso di pioggia, delle strade di Ganzirri e Torre Faro e al riversamento delle acque meteoriche nei due laghi. Questa l’ipotesi annunciata stamattina dall’assessore ai Lavori Pubblici Sergio De Cola.

«Come purtroppo è noto – spiega l’Assessore – in occasione di piogge anche non particolarmente intense, un forte disagio per la viabilità deriva dalla formazione di grandi pozze d’acqua per assenza di un adeguato sistema di smaltimento delle acque. Finalmente, a seguito del lavoro portato avanti in sinergia tra la Città Metropolitana di Messina e l’Amministrazione Comunale, è stato avviato a soluzione l’annoso problema relativo alla raccolta e allo smaltimento delle acque meteoriche nelle strade intorno ai laghi di Ganzirri».

acque meteoricheL’ipotesi di lavoro concordata è quella di realizzare un anello collettore di raccolta di tutte le acque piovane che poi andranno disperse con pozzi drenanti, evitando costose stazioni di sollevamento.

Questo dovrebbe risolvere il problema che da decenni attanaglia i due villaggi della città di Messina: quando piove, l’acqua che non evapora e non viene assorbita, oltre a ricoprire il manto stradale creando pozzanghere più o meno profonde, raccoglie e trasporta dalle strade di Ganzirri inquinanti e sporcizia che poi si vanno a riversare nei due laghi.

I fondi in questione potrebbero, quindi, venire utilizzati per la realizzazione di un sistema di raccolta e smaltimento adeguato che, nel rispetto delle condizioni ambientali, risolva definitivamente il problema.

Il Dipartimento Lavori Pubblici del Comune di Messina, che a febbraio aveva dato la propria disponibilità alla redazione del progetto, ha avviato la progettazione che oggi è quasi conclusa: «Ancora una volta – conclude De Cola – la collaborazione e il confronto tra Amministrazioni hanno dimostrato di essere il miglior metodo di lavoro per la risoluzione dei problemi del nostro Territorio».

(284)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *