A scuola senza libri. Mancano i soldi dei rimborsi

banchi1Anche i librai “in rivolta”, minacciano di non fornire più i libri per la scuola in vista del prossimo anno scolastico. I ragazzi rischiano di ritrovarsi davanti a un banco vuoto. Il motivo di questa “scelta forzata” è da ricercare nei ritardi dei rimborsi delle cedole librarie, che incidono fortemente sui bilanci delle imprese. Proprio oggi i librai scenderanno in piazza a Palermo per denunciare la gravità della situazione.

I primi a  protestare sono stati appunto quelli del capoluogo, che non hanno più erogato i libri agli studenti delle scuole medie. Da qui però la protesta potrebbe dilagare ed estendersi all’intera isola. A farne le spese anche i bambini delle elementari. A questo punto, se non vorranno correre il rischio di mandare i propri figli a scuola senza i libri fondamentali per la loro educazione, dovranno essere le famiglie a farsi carico dell’acquisto dei testi. Chiaramente si creerebbe un disequilibrio tra chi può permettersi la spesa e chi invece farebbe grande difficoltà, perché economicamente impossibilitato.

L’educazione scolastica è un diritto, tutti dovrebbero averne accesso, ma anche il grido di protesta di chi lavora, con tanti sforzi, e cerca di tirare avanti non può rimanere inascoltato. Tocca ora alle istituzioni, in questa particolare congiuntura economica, trovare una soluzione per garantire questi due sacrosanti diritti: studio e lavoro.

(36)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *