Emergenza cinghiali: famiglie costrette al coprifuoco. Ma Ialacqua ha in mente un “Piano”

cinghiale su accorintiL’emergenza cinghiali continua ad essere un tema caldo in città e ieri la V Circoscrizione si è riunita in un Consiglio aperto alla cittadinanza per discutere sulla seria problematica che mette a rischio l’incolumità di molti cittadini. All’incontro ha partecipato anche l’assessore all’Ambiente Daniele Ialacqua, illustrando le iniziative che nell’immediato l’amministrazione comunale intende porre in essere per superare il problema della colonia di cinghiali divenuta stanziale un una zona ad altissima densità abitativa del territorio circoscrizionale. Nello specifico, Ialacqua ha presentato la realizzazione del Pirc ( Piano di Intervento Rapido e Coordinato) concordato con tutti gli Enti partecipanti al Tavolo Operativo del 16 febbraio scorso e finalizzato alla salvaguardia della pubblica e privata incolumità in presenza di emergenze specifiche.

Il Pirc prevede l’immediata costituzione di un gruppo di intervento con a capo il dirigente della Ripartizione Faunistico Venatoria e composto dal Dirigente dell’Ufficio di Gabinetto del Sindaco, dal Dirigente del Dipartimento Ambiente e Sanità, dal Comandante della Polizia Municipale, dal Comandante dell’Ispettorato Forestale, da un veterinario dell’Asp, da un Dirigente dell’Istituto Zooprofilattico e da un Capo Squadra delle Guardie Faunistico Venatorie. Una volta costituito  il gruppo di intervento, il Sindaco provvederà ad emanare una nuova ordinanza di contenimento e/o cattura del nucleo  specifico di animali .

L’assessore non si è sottratto alle numerose domande dei consiglieri circoscrizionali e dei cittadini presenti i quali si sono mostrati preoccupati in ordine alla tempistica prevista per il completamento dell’iter illustrato dal rappresentante della Giunta. Particolarmente accorato l’intervento del signor Cannavò, residente nella cooperativa “Fede”, il quale ha descritto  la “procedura di sicurezza” per il rientro serale in casa alla quale la propria famiglia è costretta ad attenersi da due mesi a questa parte a causa della sistematica presenza di cinghiali  nel parcheggio condominiale.

Ha preso parte  all’adunanza anche il Vicepresidente del Consiglio Comunale, Nino Interdonato, il quale ha voluto sottolineare come  i tempi di questa spiacevole vicenda si siano allungati oltre il lecito a causa di un errore di fondo commesso con l’ordinanza n. 198 del 2 ottobre scorso che, di fatto, non ha risolto nulla  in quanto esplicitamente richiedeva interventi di allontanamento e contenimento e non di cattura e abbattimento come invece disposto da altri Comuni, anche nella nostra Provincia.

Il Consiglio della V Circoscrizione ha, inoltre,  evidenziato come, al di là delle competenze tecniche specifiche degli Enti regionali interessati, vi è un  ruolo di coordinamento e di impulso alle operazioni male esercitato sin qui dall’Amministrazione Comunale, soprattutto in funzione del ruolo di massimo garante dell’incolumità e dell’igiene cittadina attribuita al Sindaco ed in considerazione della presenza di una folta percentuale di esemplari colpiti da tubercolosi, già certificata dall’organo sanitario competente.  A conclusione della seduta, l’assemblea ha comunicato al rappresentante della Giunta la volontà di attendere sino a mercoledì successivo la concretizzazione delle opzioni esposte dopo di che gli amministratori dei condomini, i quali hanno già in mano il mandato dei residenti, si rivolgeranno alla Procura della Repubblica.

(257)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *