Trasporto gratuito per chemioterapia: rinnovata la convenzione

trasporto disabiliÈ stato firmato dal presidente dell’Associazione Consumatori Siciliani, Nicola Calabria, e dell’Associazione Salus, D’Agostino, il rinnovo della convenzione con l’Asp 5 di Messina, che prevede il trasporto gratuito, da parte delle due associazioni, degli ammalati di tumori all’Ospedale San Vincenzo di Taormina, per essere sottoposti a chemioterapia.

L’iniziativa, nata qualche anno fa per volontà delle due associazioni, si mantiene con il ricavato della raccolta dei tappi di plastica delle bottiglie e dei flaconi di sapone.

«In questi anni abbiamo raccolto oltre 15 tonnellate di tappi – ha affermato Nicola Calabria – grazie alla solidarietà di privati cittadini e di tante associazioni che si sono messe a disposizione. Il nostro è un piccolo gesto di aiuto – ha continuato Calabria – nei confronti di chi soffre e di chi è solo. Questa iniziativa ha avuto il sostegno anche dei sindaci delle Isole Eolie, i cui cittadini che devono recarsi a Taormina sono obbligati a sostenere molte spese. La nostra iniziativa ha permesso di diminuire i costi. Infatti, il giovedì mattina il pulmino preleva gli ammalati allo scalo dei traghetti di Milazzo per poi portarli a Taormina».

Accanto a questa iniziativa è presente anche la “Banca delle parrucche”, infatti, grazie alla collaborazione di molte parrucchiere di Taormina, è stato possibile creare diverse parrucche che vengono messe a disposizione delle donne che dopo la chemio perdono i capelli.

«Per una donna – spiega Nicola Calabria – è un fattore psicologico rilevante il fatto di perdere i capelli. Da qui l’iniziativa dell’Associazione Salus D’Agostino di mettere in piedi la “Banca delle parrucche”, di cui hanno usufruito decine di donne».

«Ogni giovedì o venerdì, secondo le indicazioni che riceviamo dall’Ospedale – spiega Graziella Paino, dell’Associazione Salus D’Agostino – il pulmino preleva nelle varie località gli ammalati portandoli a Taormina. Cerchiamo con un sorriso, con la nostra solidarietà e con il dono del nostro tempo libero, di stare vicino a persone che hanno bisogno di essere incoraggiate e sostenute moralmente nella loro battaglia».

(171)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *