Trasporti, aree pedonali e differenziata: ecco com’è cambiata Messina

Foto della Madonnina dello Stretto di MessinaAree pedonali, raccolta differenziata, inquinamento acustico, turismo e trasporti: è online il report Messina in cifre, che mostra attraverso l’elaborazione di dati statistici, com’è cambiata la nostra città tra 2011 e il 2016.

Trasporto pubblico e aree pedonali

I dati sulla lunghezza delle linee autobus e tram si sono mantenuti bene o male costanti negli ultimi sei anni, sebbene le prime abbiano visto un incremento di poco più del 9% tra il 2015 e il 2016. Sono aumentati notevolmente, invece, gli spazi dedicati a ciclisti e pedoni. Le piste ciclabili, che nel 2011 occupavano solo 2,5 km all’interno del territorio cittadino, si sono oggi estese fino a coprire 7,2 km; mentre le aree (o isole) pedonali hanno visto un incremento del 48,5% dal 2013, nonostante il picco sia stato toccato in realtà nel 2014 con 108.336 92.567  coperti, il 15% in più rispetto ai 92.567 mq del 2016.

In aumento anche i veicoli destinati al trasporto pubblico giornaliero, che dai 57 del 2011 sono diventati 74, il numero di posti disponibili e la quantità di persone che effettivamente ne usufruiscono. Per farsi un’idea basta osservare come, nei sei anni presi in esame, i biglietti di corsa semplice venduti siano aumentati del 269,81%, mentre il numero di passeggeri trasportati è cresciuto del 32%.

pisteciclabiliUna città, con una popolazione che a giugno 2017 contava 235.368 abitanti, più a misura di pedone in cui i cittadini hanno iniziato a camminare di più e a usare con maggiore frequenza i mezzi pubblici.

Rifiuti

rifiuti per famiglia - messina in cifreI dati che fotografano la situazione rifiuti dal 2012 al 2016 segnalano una riduzione totale del 6,75%, mentre crescono i numeri della raccolta differenziata, che però subiscono una contrazione del 7,8% nell’ultimo anno preso in esame. In particolare, è possibile osservare nei rifiuti differenziati per famiglia un incremento del 53%. In crescita, in maniera considerevole, la raccolta di plastica, vetro, carta e cartone.

Rumore

Eccessivo l’inquinamento acustico, sia nelle ore notturne che diurne. I dati mostrano come dal 2001 al 2016 i livelli di LAeq dB(A) (la rumorosità complessiva) si siano mantenuti sempre al di sopra dei limiti massimi previsti dalla legge.

Più bassi rispetto a 10 anni fa i livelli medi sul viale Boccetta, sul viale Europa e in via Celi, ma sempre al di sopra della soglia consentita. Questo per quel che riguarda le ore diurne, mentre nelle ore notturne il rumore si è mantenuto stabile.

I livelli registrati nel 2016, inoltre, si discostano poco, in media, da quelli rilevati durante l’anno precedente.

Turismo

In aumento dell’8,57% nel 2016 le strutture che accolgono turisti nel territorio comunale. Questo dato è il risultato della crescita degli esercizi extra alberghieri, in particolar modo dei Bed & Breakfast e degli Alloggi in affitto, che sono aumentati rispettivamente del 37% e del 42%. In diminuzione, però, i posti letto complessivi a causa della riduzione delle strutture alberghiere, dei campeggi e dei villaggi turistici sul territorio. Contrazione che è arrivata a toccare il 35,5% nel 2016.

turismo messina in cifreI turisti approdati a Messina nel 2016 sono stati 38.702, per il 19% italiani.

Imprese

Diminuiscono le imprese registrate nel 2016, secondo i dati della Camera di commercio, anche se il terzo trimestre 2017 segnala una leggera crescita. Si registra una perdita in diversi settori Ateco (ATtività EConomiche) come il commercio all’ingrosso e al dettaglio, il trasporto e le attività manifatturiere.

Il rapporto completo Messina in cifre 2017, realizzato dal dipartimento statistica di Palazzo Zanca è scaricabile dal sito istituzionale del Comune.

 

(218)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *