La tendopoli del Palanebiolo deve essere smontata. Barbera scrive al Prefetto

palanebioloLa tendopoli del Palanebiolo è stata chiusa poco più di un mese fa per volontà del Prefetto, Francesca Ferradino, ma la struttura adibita ad ospitare i migranti sbarcati in città è ancora presente all’interno del campo. A segnalarlo è il consigliere della V Circoscrizione, Paolo Barbera, che chiede l’intervento della Ferrandino.

Nato nel 1997 e di proprietà dell’Università degli Studi di Messina, il Palanebiolo ha ospitato molti eventi sportivi di rilievo come le Universiadi o la fase finale dei Mondiali di Baseball del 2012. Dal 2013, però, il campo del Palanebiolo è servito ad allestire la tendopoli per ospitare alcuni dei migranti sbarcati in città, anche se molte associazioni puntavano il dito contro condizioni igieniche della struttura, ritenute, dai più, precarie.

Un coro a cui si è unito lo stesso Barbera: “Nel corso degli anni ho ripetutamente denunciato che la “tendopoli” avrebbe dovuto essere una soluzione transitoria, di emergenza, tanto perché realizzata attraverso la “requisizione” di un impianto sportivo funzionale, quanto poiché non in grado di garantire condizioni di igiene, di decoro e di vivibilità degne e civili, chiedendone pertanto più volte la chiusura poiché il lasso di tempo trascorso e le ingenti risorse destinate avrebbero consentito la realizzazione di strutture di accoglienza più consone e funzionali, capillarmente disseminate nei centri abitati del territorio, anche attraverso l’adeguamento e la riconversione di immobili in disuso;Che tali denunce, richieste e segnalazioni sono rimaste prive di riscontro fino all’insediamento del nuovo Prefetto, Dottoressa Francesca Ferrandino, che tra i primi provvedimenti ha disposto la chiusura del Centro Temporaneo di Accoglienza di c.da Conca d’Oro”.

Barbera chiede al Prefetto che vengano tolte le tende e gli arredi ancora presenti all’interno del Palanebiolo e di procedere con la riconsegna della struttura al proprietario, ovvero l’Univesità.

(105)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *