Articolo Uno racconta la sua idea di Sicilia: oggi l’evento a Palazzo Zanca

“Per un’altra Sicilia. Costruiamo l’Alternativa”: è questo lo slogan dell’iniziativa regionale organizzata da Articolo Uno Sicilia. Appuntamento oggi, 22 luglio, alle 17 nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca.

L’evento ha lo scopo di riunire tutti gli esponenti della sinistra politica dell’isola, per «creare le condizioni per un chiaro percorso di discontinuità a livello regionale». L’iniziativa è frutto di un confronto con le organizzazioni culturali e sociali, tra cui ARCI, ANPI, Libera, e i sindacati.

«Di fronte all’avanzata delle destre e al malgoverno centrale e regionale – scrive il movimento – il gruppo dirigente di Articolo Uno ha, in un recente documento della Direzione Regionale, ribadito la necessità di farsi “innesco” per un processo di riaggregazione di un ampio fronte progressista che possa condividere una visione e immaginare un percorso condiviso, diventato ormai improcrastinabile».

Chi interverrà alla seduta di Articolo Uno Sicilia?

Presiederà la manifestazione Maria Flavia Timbro, Responsabile Nazionale Legalità e Lotta alle mafie di Articolo Uno, mentre a introdurre i lavori sarà Pippo Zappulla, già parlamentare nazionale e Segretario Regionale di Articolo Uno.

Aprirà gli interventi programmati Gaspare Giacalone, Sindaco di Petrosino (TP) ed esponente dell’Associazione Futura che fa riferimento all’ex presidente della Camera, Laura Boldrini.

Interverranno: Nadia Spallitta, per i Verdi, e Turi Lombardo, per Socialismo XXI.

Per il Partito Democratico prenderà la parola Bruno Marziano, già Assessore Regionale e tra i referenti siciliani di DEMS, la associazione della sinistra PD che fa riferimento ad Andrea Orlando, attuale vicesegretario nazionale.

Interverrà il parlamentare nazionale Erasmo Palazzotto, eletto di LeU e dirigente di Sinistra Italiana, e, successivamente, Claudio Fava, deputato all’ARS e Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia Regionale.

Seguirà Pietro Bartolo, recentemente eletto al Parlamento Europeo nel Gruppo dei Socialisti e Democratici ed esponente di DeMos, formazione politica espressione del cattolicesimo sociale, ed infine Guglielmo Epifani, parlamentare nazionale espressione di Articolo Uno.

Perché l’iniziativa si svolgerà a Messina?

«Articolo Uno Sicilia sceglie Messina – si legge nel comunicato stampa – per lo svolgimento dell’iniziativa, perché in questi anni la locale Federazione ha provato e prova costantemente a tenere un filo di discussione aperta tra le diverse componenti, civiche e partitiche, del fronte progressista.

Il percorso che parte da Messina ha l’ambizione di attivare un forum permanente di raccordo e confronto politico, su base regionale e provinciale,  tra soggetti diversi, che non devono rinunciare alla propria identità, ma che devono impegnarsi insieme a costruire una “alternativa” per una Sicilia diversa».

(61)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *